ETICHETTA ENERGETICA ASPIRAPOLVERE
Ufficialmente in vigore dal 1° settembre 2014
L'etichetta energetica degli aspirapolvere:
  • Introdurrà sette classi energetiche, dalla A alla G, dove la classe A indica il prodotto a maggiore efficienza;
  • Consentirà di confrontare gli aspirapolvere secondo criteri oggettivi come l'efficienza energetica, la performance su diverse superfici, la qualità dell'aria filtrata e la silenziosità;
  • Sarà di facile lettura grazie a simboli grafici;
  • Sarà stampata come pezzo unico;
  • Sarà identica in tutti i Paesi dell'UE.
Esistono tre diverse tipologie di etichetta a seconda dell'uso dell'apparecchio:
Tempistiche e requisiti di Ecodesign

A partire dal 1° settembre 2014

A partire dal 1° settembre 2017
Requisiti

*questi limiti non si applicano agli aspirapolvere con filtro ad acqua;

Il consumo annuo di energia, la potenza nominale di ingresso, la capacità di aspirazione della polvere su tappeti (dpu c), la capacità di aspirazione della polvere su pavimenti duri (dpu hf), il livello di potenza sonora, la durabilità del tubo e la durata di vita del motore sono misurati e calcolati conformemente all'allegato II del Regolamento 666/2013.
Obblighi per i produttori
  • I produttori forniranno ai rivenditori la nuova etichetta energetica con i prodotti;
  • I produttori renderanno disponibile la scheda prodotto;
  • I produttori indicheranno la classe di efficienza energetica in qualsiasi pubblicità relativa ad uno specifico modello che riporti indicazioni relative all'energia o al prezzo;
  • I produttori si assicureranno che qualsiasi materiale promozionale tecnico relativo a uno specifico modello ne descriva i parametri tecnici specifici, inclusa la classe di efficienza energetica;
  • I produttori metteranno a disposizione un'etichetta elettronica, conforme a quanto disposto dall'allegato II del Regolamento 665/2013, a partire dal 1° gennaio 2015;
  • I produttori metteranno a disposizione una scheda prodotto elettronica, conforme a quanto disposto nell'allegato III del Regolamento 665/2013, a partire dal 1° gennaio 2015;
Obblighi per i rivenditori
  • Attaccare l'etichetta fornita con il prodotto, fissandola o appendendola all'esterno dell'apparecchio in modo che sia chiaramente visibile;
  • In caso di vendite a distanza ed altre forme di vendita (aspirapolvere offerti per la vendita, il noleggio o la vendita a rate), in cui gli utilizzatori finali non possano visionare i prodotti in esposizione, accertarsi che il consumatore sia provvisto delle informazioni obbligatorie prima dell'acquisto: fascicolo tecnico (allegato V Regolamento 665/2013).
    Se l'offerta è fatta via Internet e sono state messe a disposizione un'etichetta elettronica e una scheda prodotto elettronica, si applicano invece le disposizioni dell'allegato VIII;
  • Qualsiasi messaggio pubblicitario o materiale promozionale di uno specifico modello che riporti informazioni tecniche, energetiche o di prezzo, deve necessariamente indicare la classe di efficienza energetica di quel modello.

Per maggiori informazioni si prega di prendere visione dei Regolamenti 665/2013 e 666/2013.
Prima domanda Seconda domanda Terza domanda
Domande frequenti
Ai sensi dell'art. 16, comma 1 del D. Lgs. 104/2012 di recepimento della Direttiva 2010/30/CE, e della Direttiva 2009/125/CE, i prodotti immessi sul mercato prima del 1° settembre 2014, nel rispetto delle prescrizioni precedentemente vigenti, possono continuare ad essere legittimamente commercializzati*.
Secondo quanto indicato dalle Guidelines della Commissione Europea, i prodotti che sono già stati immessi sul mercato prima del 1° settembre senza etichetta, possono continuare ad essere venduti senza essere etichettati. La merce in negozio si considera immessa sul mercato. La merce nei magazzini dei rivenditori è normalmente considerata immessa sul mercato. La merce a magazzino del produttore e dell'importatore potrebbe non essere già immessa sul mercato. Per maggiori informazioni sul concetto di immissione sul mercato, si prega di prendere visione della Guida per l'implementazione delle Direttive di Nuovo Approccio (Blue Guide 2014).
La Corte di Giustizia Europea ha recentemente emesso un giudizio in merito all'interpretazione dell'art. 4(a) del Regolamento 1062/2010 sull'etichettatura energetica dei televisori, stabilendo che l'obbligo di etichettatura si applica solo a prodotti immessi sul mercato a partire dalla data prevista dal Regolamento delegato. Analoga interpretazione è fornita dalle Guidelines sopracitate.
No, la performance di aspirazione è legata a diversi fattori oltre alla potenza in Watt (consumo energetico), che non è un indice corretto per indicare le prestazioni di aspirazione. Ci sono altri parametri, come per esempio la capacità di aspirazione delle polveri e il grado di (ri)emissione delle stesse, tutte riportate in etichetta, che indicano la reale capacità di pulizia dell'aspirapolvere.
*Le informazioni contenute in questo sito non sono legalmente vincolanti. Sono fornite dall'industria degli apparecchi domestici rappresentata da CECED Italia (www.ceceditalia.it) a solo scopo informativo. Gli unici soggetti che detengono il diritto di interpretare la legge sono le autorità di sorveglianza del mercato degli Stati Membri e la Corte di Giustizia Europea.
Le aziende associate:
AEG Bosch De Longhi Electrolux Hoover Imetec
Miele Rowenta Hotpoint Ariston Samsung Vorwerk Folletto